_

Cos’è la fatturazione elettronica?

La fatturazione elettronica è un sistema digitale di emissionetrasmissione e conservazione delle fatture. Questo significa che non servirà più stampare e conservare la versione cartacea delle fatture, ma basterà generare un file XML con determinate caratteristiche, e dovrà essere inviato al Sistema Di Interscambio (SDI), un sistema di smistamento e archiviazione fatture elettroniche gestito dall’Agenzia Entrate.
Dal 1° gennaio 2019, la fattura elettronica sarà obbligatoria fra privati, ossia fra aziende titolari di partita iva, ad eccezione di alcune categorie particolari di contribuenti.

Come funziona su OpenSTAManager

La fattura elettronica è composta da un file XML, solitamente generato da un software che ha le caratteristiche per farlo. Su OpenSTAManager abbiamo integrato un plugin per la generazione della fattura elettronica cercando di rendere l’operazione il più semplice possibile, infatti dopo la normale creazione di una fattura, dall’interno del documento è necessario aprire il plugin “Fatturazione Elettronica”  e premere “Genera”. Dopodichè, la si può visualizzare in anteprima o scaricare per effettuare un invio manuale:

Come poterla inviare

Nel mese di dicembre 2018 uscirà un nuovo plugin per poter inviare la fattura elettronica (il file XML) direttamente allo SDI. Stiamo completando le procedure per rendere anche questa operazione il più semplice possibile, infatti sarà previsto un ulteriore tasto per l’invio. Dopo l’invio, indicativamente nell’ora successiva all’emissione ed invio della fattura, lo SDI emetterà una ricevuta di consegna, per indicare se la fattura è stata accettata ed archiviata, oppure se è stata scartata, indicandone il motivo. Queste informazioni verranno salvate su OpenSTAManager per indicare il corretto invio e archiviazione, od il motivo dello scarto.
E’ importante sapere che l’invio della fattura elettronica allo SDI deve essere eseguita da un intermediario accreditato, per questo abbiamo iniziato una collaborazione con un’azienda del settore fiscale che si occupa di questo servizio.
Per una rapida verifica della generazione fattura elettronica e relativo invio, abbiamo aggiunto 2 nuove colonne nella vista delle fatture di vendita:

E’ un’opportunità?

La fattura elettronica fa parte dell’Agenda Digitale Italiana, ed è nata per controllare e razionalizzare la spesa pubblica, ma soprattutto per dare una forte spinta all’innovazione delle imprese italiane. Con degli strumenti semplici che soddisfino questo obbligo di legge, la fattura elettronica permetterà di:
  • ridurre alcuni adempimenti fiscali (ad esempio, l’invio in parte dei dati fatture, ex-spesometro)
  • eliminare la carta
  • eliminare gli errori di invio fatture o di trascrizione dati (specie per gli acquisti)
  • avere un riscontro rapido dallo SDI sulla correttezza delle fatture emesse
  • automatizzare la registrazione degli acquisti, dato che lo SDI permette di leggere tutte le fatture di acquisto ricevute ed importarle nel proprio gestionale
In un’ottica di automazione e semplificazione dei processi aziendali, poter spedire tramite un unico canale le fatture di vendita e ricevere automaticamente nel gestionale le fatture di acquisto, può diventare un’opportunità per gestire in semplicità la propria contabilità, ed iniziare quindi a controllarla in modo più preciso e rapido.

Domande frequenti

Che cos’è il codice destinatario?
E’ un codice che identifica il canale dello SDI su cui verranno ricevute le fatture passive. E’ di 7 cifre per i soggetti con partita iva (aziende) e di 6 cifre per le pubbliche amministrazioni.
I miei fornitori mi stanno chiedendo il codice destinatario. Quale codice destinatario devo fornire?
Il codice destinatario viene fornito dal nostro servizio di invio/ricezione con lo SDI appena sarà attivo. Il codice destinatario convenzionale che si può fornire temporaneamente è “0000000”.
Chi si occupa dell’archiviazione sostituiva prevista per 10 anni?
L’archiviazione sostitutiva per 10 anni viene effettuata dalla piattaforma “Fatture e corrispettivi” dell’Agenzia Entrate, specificando la relativa opzione, oppure tramite un servizio terzo.
Cosa succede se sbaglio una fattura?
Può succedere di emettere una fattura con importi, descrizioni e/o dati anagrafici errati.
Se la fattura non è stata inviata allo SDI non è un problema: va modificata e corretta.
Se la fattura è già stata inviata allo SDI, va emessa una nota di credito per annullarla e va emessa una nuova fattura. Sia la nota di credito che la nuova fattura vanno ovviamente inviate allo SDI.Se ci sono dati anagrafici errati, come la partita iva, può essere che venga scartata dallo SDI. In questo caso vale sempre la nota di credito e l’emissione di una nuova fattura.
Entro quando va inviata la fattura allo SDI?
Secondo la normativa, la fattura elettronica va inviata allo SDI il giorno stesso dell’emissione, entro le ore 24 dalla data in cui è stata emessa. Questo perché dev’essere registrata correttamente ai fini della liquidazione iva.
Tuttavia, considerata l’entrata in vigore dell’obbligo della fatturazione elettronica e l’ulteriore adempimento dell’invio allo SDI, è stato definito che:
– nel primo semestre 2019 è prevista l’eliminazione della sanzione per omessa o tardiva fatturazione se la fattura è inviata allo SDI entro il termine della liquidazione periodica e l’attenuazione della sanzione se inviata entro il termine della liquidazione successiva;
– dal secondo semestre 2019 è previsto invece un allungamento del termine di emissione della fattura rispetto al momento impositivo IVA
Cosa devo fare per emettere una fattura ad un privato?
Deve essere emessa la fattura elettronica, che verrà inviata allo SDI. Ai fini fiscali, il cliente finale la potrà recuperare dal portale “Fatture e corrispettivi”. E’ consigliabile (obbligatorio su richiesta del cliente) lasciare copia cartacea della fattura emessa al cliente, specificando che il documento originale è presso lo SDI. La fattura al privato avrà codice destinatario di 7 zeri.
Ho una versione di OpenSTAManager personalizzata: come devo fare?
Se hai una versione personalizzata, dovresti rivolgerti al fornitore che ha apportato le personalizzazioni per valutare se aggiornare OpenSTAManager ad una versione compatibile con la fatturazione elettronica (da OSM 2.4.2). Se sei già nostro cliente, probabilmente sei già stato contattato per adeguare la tua installazione.